BURATTI GABRIELE

Libero professionista

Anno: 2019
Tecnica: Tecnica mista su tavola
Dimensione: 130x100 cm
Status: Disponibile
Dettagli aggiuntivi
Richiedi informazioni

Luogo selvaggio

Anno: 2013
Tecnica: Tecnica mista su tela
Dimensione: 80x100cm
Status: Disponibile
Dettagli aggiuntivi
Richiedi informazioni

Contenitore urbano

Anno: 2013
Tecnica: Tecnica mista su tela
Dimensione: 130x100cm
Status: Disponibile
Dettagli aggiuntivi
Richiedi informazioni

Inquilini possibili

Anno: 2018
Tecnica: Tecnica mista su tavola
Dimensione: 88x88 cm
Status: Non disponibile
Dettagli aggiuntivi
Richiedi informazioni

BURATTI GABRIELE

Gabriele Buratti, in arte Buga, nasce a Milano nel 1964. Laureato al Politecnico in Architettura del Paesaggio, sviluppa negli anni un interesse per i carattere fisici, antropici, storici e strutturali del territorio che influenzerà profondamente la sua opera di pittura, scultura e fotografia. I suoi dipinti contengono anche un marchio, che marchio non e', perche' e' un vero e proprio codice a barre, lo stesso che troviamo sui prodotti, e che segnano la produzione del nostro tempo, caratterizzata da un forte consumismo. Ebbene, proprio questo marchio e' diventato un'icona, un segno, un'immagine forte che ruota quasi sempre nei dipinti del nostro artista, dando di lui un'idea forte della sua arte che non e' avulsa dalla storia degli ultimi anni, di quella storia economico-sociale che ha dato ai paesi occidentali e capitalismi processi accelerati. Il contrasto tra natura e urbanizzazione rende l'opera di Buratti unica nel contesto artistico contemporaneo e fortemente attuale per il suo messaggio sociale. Buratti ha ottenuto numerosi premi nel corso della sua carriera ed esposto in Italia e all'estero. Le sue opere si trovano in importanti collezioni private e nel 2014 sono state scelte per fare parte della scenografia del pluripremiato film "Anime nere" di Francesco Munzi. Vive e lavora a Milano.

Leggi tutto Chiudi

Iscriviti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti sulle opere e sulle mostre della galleria