DINO MIGLIORINI ©
© Dino Migliorini by SIAE

Visualizzazione
Lista
Griglia

Filtra le opere

X
Filtra le opere
Prezzo
Applica filtri

Roma

Anno: Anni '50
Tecnica: Olio su faesite
Dimensioni: 103x65 cm
© Dino Migliorini by SIAE
Dettagli aggiuntivi
Status: In vendita
 950,00
Richiedi informazioni

DINO MIGLIORINI

Dino Migliorini nasce a San Donato in Collina nel 1907. Nei primi anni di formazione, sperimenta diverse attività lavorative. Diventa prima garzone per il “Nuovo Giornale”, affacciandosi poi al mondo della decorazione e restaurazione di opere. E’ il famoso designer Gio Ponti a spronarlo a perseguire la carriera di pittore, portandolo alla sua prima mostra personale alla gallerie “Lyceum” di Firenze del 1931. Frequenta gli studi di Rosai, Soffici e Bacci. Il successo arriva presto e Migliorini viene apprezzato sia per i suoi paesaggi e le sue nature morte, che per i ritratti, soggetti che esegue con uno stile molto personale ma al contempo comprensibile a tutti in un contesto che, nel Secondo Dopoguerra, vede il successo delle avanguardie astratte, informali e concettuali. Tra gli anni Trenta e gli anni Sessanta realizza alcune opere a sfondo cattolico, come dimostra l’affresco “Il buon Samaritano” per la chiesa S. Maria a Ricorboli e il quadro “Il Battesimo di Cristo” per la chiesa di San Donato. Alla fine degli anni ‘50 è già un artista molto noto e importante ma gli anni ’60 sono quelli della definitiva consacrazione anche a livello internazionale: nel 1960 esegue il ritratto di Maria Pia di Savoia, che si trova a Versailles e nel 1961 viene invitato in Vaticano, per eseguire il ritratto di Papa Giovanni XXIII. Numerose sono le mostre personali che Migliorini tiene in Italia e all’estero tra gli anni ’50 e i ’70: Firenze, Livorno, Pistoia, Lucca, Napoli, Roma, Bruxelles, Milano, Lugano, Versailles, Genova, Palermo, Cortinai. Nel 1970 a Rignano sull’Arno ha luogo una sua grande antologica. Viene invitato in rassegne importanti come “The Italian Season”, mostra che si tiene nel 1974 alla Galerie Aziza di Londra. Nel Febbraio del 1974 la Galleria d’Arte Piero Della Francesca di Arezzo organizza la sua 70° mostra personale, che riscuote un incredibile successo di pubblico. Negli anni ’80 e ’90 Migliorini produce moltissimo e si susseguono le mostre in Italia, in gallerie (tra le più note, la Galleria Pananti di Firenze, nel 1982 e la Paesi Nuovi di Roma, nel 1985) e spazi pubblici, in cui, oltre alle personali, partecipa a collettive e rassegne tematiche. Nel 2004, la Regione Toscana gli conferisce la Medaglia D’Argento, come riconoscimento per le sue opere che hanno abbellito Firenze e la Toscana. Muore a Rufina nel 2005. Negli anni successivi, vengono organizzate delle retrospettive molto importanti, tra cui si ricorda l’antologica del 2011 alla Galleria Comunale di Arte Contemporanea di Arezzo e quella di Bad Wörishofen in Germania. La Galleria d'Arte Piero Della Francesca ha collaborato con il Maestro dal 1969 alla data della morte, ospitando una sua antologica (la sua 70a mostra personale) ed esponendo i suoi lavori in numerose mostre collettive e tematiche come la rassegna Artisti Toscani.

Leggi tutto Chiudi

Iscriviti alla newsletter.

Iscriviti alla newsletter per ricevere aggiornamenti sulle opere e sulle mostre della galleria